La nuova Tokyo Tower

1 commento

ttE’ da almeno alcuni anni che se ne parla, ma il progetto ha sempre incontrato l’opposizione degli abitanti della zona dove la si voleva costruire. Ora pare che dal 2006 il progetto sia entrato in fase di realizzazione. La nuova torre sorgera’ vizino ad Asakusa, nel distretto di Sumida. Alta circa 610 metri, antisismica, diverra’ la costruzione piu’ alta del mondo (con due belvedere a 350 e 450 metri e ristoranti e negozi al suo interno), con una gigantesca antenna per il digitale terrestre. Completa nel 2011, rappresentera’ la dimostrazione della forza tecnologia e costruttiva del Giappone. Nel sito ufficiale e’ possibile vedere anche i filmati per rendersi conto di che ciclopico lavoro si tratti…il capitale iniziale e’ di 400 milioni di yen.

Ok, non per essere polemico, pero’ qui a Torino stiamo ancora aspettando che finiscano (inizino?) il secondo tratto della metropolitana…

Ritratti in CG

Lascia un commento

gojSeppure il tempo paia immobile, sotto la superficie tutto si muove, persino nella placida Italia. Diversi progetti sono nell’aria, bisognera’ solo vedere come si evolveranno e quali frutti ci porteranno.
Nel frattempo, come spesso accade, i giapponesi nella veste della Motion Portrait ci propongono un altro spaccato di futuro. L’immagine in CG che si vede nel loro sito inclusi tutti i movimenti sono stati creati partendo da un’unica fotografia di base poi digitalizzata. Provate ad andare sulla foto con il mouse ed a selezionare alcuni oggetti. Ulteriori esempi di questa tecnologia li trovate qui.

翻訳の大切さ

Lascia un commento

Tsuj

7月29日に辻仁成氏のサイトに次の文が出ました。

とても大事な話です。自分、作家の活躍もし始めた時期から
どんなに作家と翻訳家の関係が大切なものか理解できました。確かに、作家にとって、国際的な活躍が出来るようにいい翻訳家が必要なのですね。
「スペインに日本語の翻訳家で優秀な人材がいない」ということにも私もなかなかびっくりしました。でも、よく考えれば、日本語では、こちらにも才能がある翻訳家はそんなに多くありません(厳しい、私は!ウッシッシ)。
個人的に、最も優れた結果は、作家と翻訳がタッグを組んで一緒に働くときに得ることだと思いますけど。
日本の出版社は海外の優秀な翻訳家ともっと繋がればいいのではないでしょうか? その力も借りて海外で日本文学が紹介出来る機会はきっと増えるに違いありません……。

Intraprendenza ed abilita’

Lascia un commento

gabrParliamo un attimo di Gabriele Roberto, classe 1972, lo merita davvero. Diplomato ai Conservatori di Cuneo ed Alessandria, nel giro di pochi anni si e’ costruito una carriera di tutto rispetto – dopo essere stato discretamente ignorato in Italia – nel mercato musicale giapponese ed asiatico arrivando ad aggiudicarsi il premio per la colonna sonora del film “Memorie di Matsuko“, uno delle piu’ belle pellicole nipponiche degli ultimi anni, agli Oscar giapponesi nel 2007. Attualmente ha scritto le musiche per l’anime Devil May Cry e sta lavorando su quelle del nuovo film di Pang Ho-Cheung.
Ora, la domanda sorge spontanea. Perche’ la gente in gamba non riesce a trovare lavoro in Italia? Possibile che qui non si riesca mai a farsi valutare per le proprie capacita’ reali senza dover ricorrere al solito giro di clientelismi?
Ad ogni modo, complimenti davvero Roberto!

Nippon 2007 Resoconto quinto giorno

Lascia un commento

Ultima giornata con cerimonia di chiusura alle ore 12:00 del mattino. Altra performance di Brin e di Whelan. Un po’ meno persone in sala rispetto alla cerimonia di apertura (molti autori giapponesi causa impegni di lavoro non erano piu’ presenti). Mostrato il Premio Hugo di questa edizione al pubblico (visto l’alto numero di eventi molti non hanno potuto assistere alla consegna del premio avvenuta nei giorni precedenti) che unisce gli elementi fantascientifici occidentali con quelli orientali simbolizzati dalla figura di Ultraman.

Nippon 2007 Resoconto quarto giorno

Lascia un commento

Fortunatamente e’ andato tutto bene nei miei due panel!!! Ho parlato in giapponese alla fine per circa tre ore (in tutto sono durati quasi quattro ore; adesso ho la gola secca!). C’erano pure parecchie persone a sentirmi tra cui alcuni scrittori ed editor. Insomma, molto meglio di quanto non mi aspettassi. Salutato C. Stross. Sono riuscito anche a vedere qualche altra conferenza. Certo seguirle tutte e’ praticamente impossibile. Domani ultimo giorno con cerimonia finale alle ore 12:00 del mattino.

Nippon 2007 Resoconto terzo giorno

Lascia un commento

Sempre piu’ stanco, ma contattati alcuni illustratori giapponesi. Serata trascorsa con alcuni autori nipponici e con il sig. Lipsett della Kurodahan Press. Domani e’ il giorno dei miei due panel. Non so quanti visitatori verranno ad assistere, ma pare ci saranno un bel po’ di scrittori ed editor.

Nippon 2007 Resoconto secondo giorno

Lascia un commento

Reduce da una bevuta in tre locali, raccontare tutto quello che e’ successo oggi sarebbe troppo lungo e non credo di averne la forza. Devo raccogliere un attimo le idee. Tranquilli, ne parlero’ in seguito.

Nippon 2007 Resoconto primo giorno

1 commento

Stancante, ma dire interessante non rende assolutamente l’idea! Vedere in una worldcon per la prima volta un consistente gruppo di autori non di lingua inglese e’ di sicuro un evento storico, considerato inoltre il fatto che Brin e scrittrici giapponesi come Tachihara Toya e Hikawa Reiko hanno partecipato pochi giorni fa a due convention di SF in Cina. Una pecca, se la vogliamo trovare, e’ la scarsa presenza di scrittori e partecipanti dai paesi latini dell’Europa (Italia, Francia e Spagna per intenderci) , che qui mancano ad un appuntamento davvero molto importante. E’ probabile che il non essere a Yokohama, dove ci sono personaggi di livello leggendario della letteratura fantascientifica e fantasy, aumenti ancora di piu’ il divario gia’ esistente.
La cerimonia di apertura svoltasi alle 19:00 ha visto la hall principale dello Pacifico Yokohama (circa 1000 posti) gremita di persone provenienti da mezzo mondo. Pubblico completamente partecipe e Brin e Whelan hanno salutato il pubblico parlando per una trentina di secondi ciascuno in giapponese (cosa molto gradita dai nipponici), commovente il discorso dell’anziano Takumi Shibano che rappresenta quello che il vero fandom dovrebbe essere. Gli altri due ospiti d’onore Komatsu Sakyo e Amano Yoshitaka dal canto loro non hanno sfigurato con lo scrittore e l’artista americano. L’organizzazione di Inoue Hiroaki, a parte alcuni piccoli inconvenienti d’altra parte inevitabili vista la complessita’ della gestione linguistica, e’ piu’ che buona. Ho scattato diverse foto ed al mio rientro su queste pagine un racconto piu’ dettagliato degli eventi a presto!