soShikaotoko aoniyoshi (The fantastic Deer-Man) di Makime Manabu (1976-) pubblicato nel 2007 e’ uno dei piu’ interessanti libri editi in Giappone in quest’ ultimo anno. Candidato anche alla centotrentassettesima edizione del Premio Naoki, si tratta di un originale romanzo fantastico di stampo ambientalista dove gli uomini sono solo parte di un mondo popolato dai kami.
Assistiamo cosi’ alla vicenda del protagonista – di cui non viene mai detto il nome – e’ della studentessa Hotta Ito abilissima nell’arte marziale del kendo coinvolti dai cervi di Nara, dalle volpi di Kyoto e dai topi di Osaka nell’impresa di recuperare l’unico oggetto capace di salvare il Giappone dalla distruzione ad opera di terremoti causati dal gigantesco pescegatto che vive sotto l’arcipelago. La vicenda si ricollega cosi’ agli eventi accaduti diciotto secoli prima.
Come ha ben fatto notare dallo scrittore Inoue Hisashi (1934-), vi sono molti elementi che ricordano, anche nel ritmo delle frasi, l’opera Bocchan (Il signorino) del grande Natsume Soseki.
khDa Shikaotoko aoniyoshi e’ stato recentemente tratto un dorama di successo che rispecchia abbastanza fedelmente il romanzo, seppure venga dato un nome al protagonista (Ogawa Takanobu, interpretato da Tamaki Hiroshi) e il professor Fujiwara sia divenuto una donna (interpretata dalla deliziosa Ayase Haruka), realizzato molto bene.
“aoniyoshi” e’ un antico termine letterario che si lega a Nara il cui significato non e’ del tutto chiaro ma che pare facesse riferimento al colore ed al profumo della citta’.
Sempre di Makime, molto interessante e’ pure la sua opera di debutto Kamogawa horumo, un fantasy urbano ambientato nella citta’ di Kyoto da cui nel 2009 sara’ tratta una pellicola cinematografica. Entrambi i volumi sono stati poi pure traspoti in manga.

Advertisements