bungakuPer la seconda volta (la prima e’ stato il caso della cinese Yang Yi che si e’ aggiudica nel 2008 il Naoki) un premio letterario nipponico di prestigio e’ stato conferito ad un testo scritto in giapponese da un autore straniero!
L’iraniana Shirin Nezammafi (1979-), ingegnere di sistema presso una ditta di Osaka, ha infatti appena vinto la centottantesima edizione del Premio Bungakukai shinjinsho (Premio per gli esordiente nel mondo letterario) con la storia adolescenziale Shiroi kami (Foglio bianco) ambientato in una piccola citta’ durante la guerra Iran-Iraq incentrata sull’amore tra due ragazzi.

Nella foto: copertina della rivista Bungakukai, n.6, 2009, che contiene il racconto vincitore.