Tradotto e pubblicato in Cina!

18 commenti

SFW82009E dopo il Giappone, un mio racconto oggi e’ stato pubblicato anche in Cina sulle pagine della prestigiosa pubblicazione SF World Translations (科幻世界·译文版), a pag. 136, n.8, 2009! Per chi non conoscesse questa rivista, basta dire che SF World (科幻世界) e’ il piu’ importante magazine di fantascienza cinese e, forse, la rivista di letteratura fantastica piu’ letta al mondo (con oltre un milione di lettori a numero!!). Il racconto tradotto con il titolo di 地狱隧道 (traduzione di Fang Ling Sheng 方陵生) originariamente e’ stato pubblicato in Fata Morgana9 Eta’, tempo, passaggi, oblio edito dalla CS_libri con il nome di Tunnel nel 2005. Il mio nome in cinese e’ 马西莫 苏马雷. Nello stesso numero sono pubblicati i racconti di Piers Anthony, Jeffrey Ford, Matthew Hughes, Clifford D. Simak, Robert Bloch e Kitano Yusaku.  Che non mi sembra poco…
Ammetto di essere molto contento e spero che questa occasione consenta in futuro di presentare in Cina tanti bravi autori italiani di letteratura fantastica.

SFW820092My story Tunnel originally published in Italy in 2005 in the mainstream and fantastic literature anthology Fata Morgana9 Eta’, tempo, passaggi, oblio of CS_libri was published today in the Chinese magazine SF World Translations (科幻世界·译文版), in page 136, n.8, 2009 . SF World (科幻世界) is the most important fantastic literature magazine of China. The title in Chinese of my short novel is 地狱隧道 (translation by Fang Ling Sheng 方陵生)and my name in Chinese is 马西莫 苏马雷. In the same number, there are stories by Piers Anthony, Jeffrey Ford, Matthew Hughes, Clifford D. Simak, Robert Bloch and Kitano Yusaku.
I’m really happy and is an honor to be on the pages of SF World.

今日出た中国一のSF誌「科幻世界」(SF World)に私の短編も掲載されました!タイトルは「地狱隧道」(翻訳者は方陵生氏)で、中国語の私の名前は马西莫 苏马雷ですね。詳しく言えば、 雑誌のタイトルは「科幻世界·译文版」8号2009年で、 同誌に、ピアズ・アンソニイ氏、クリフォード・ドナルド・シマック氏、ロバート・ブロック氏、北野勇作氏などの短編も収録されています。もともと2005年に「Tunnel」(「トンネル」)と言うタイトルでCS_libri出版社の純文学・エンターテインメントのアンソロジー『Fata Morgana9 Eta’, tempo, passaggi, oblio』に掲載された作品です。
とても嬉しいですよ~!!

Discorsi sulla traduzione

7 commenti

EdlipEdward Lipsett e’ il fondatore e uno dei direttori della Kurodahan Press, una piccola casa editrice creata da tre americani che vivono in Giappone da diversi decenni. Persona estremamente colta e garbata (ho un ottimo ricordo di un nostro incontro alla World convention di SF a Yokohama nel 2007), quando scrive sulla traduzione e’ davvero un piacere leggerlo. Si’, perche’ Lipsett e’ anche un traduttore di lunga esperienza.
Ieri e’ stata pubblicata dalla SWET Society of Writers, Editors & Translators una sua intervista riguardo l’attivita’ della Kurodahan Press che tocca molti punti. Vale la pena leggerla.
Per quel che mi riguarda personalmente, la citazione in chiusura mi ha reso particolarmente felice.

In addition to this, we’re already thinking about our next science fiction anthology, and books in the editing stage include a new and very important collection of works by Rampo, several novels, a late-Meiji travelogue and a look into records of ancient Japan (including the storied Queen Himiko) in Chinese histories, which will be a major work in English in its field of study.

Un lavoro fondamentale in lingua inglese nel suo ambito accademico“… Beh, avere un editore che crede cosi’ fermamente in quello che si e’ scritto e’ davvero gratificante. Merito certo anche della ottima traduzione di Davide

Lipsett scrive spesso valide riflessioni sulla traduzione dal giapponese all’inglese che possono essere anche applicate alla traduzione letteraria dal giapponese all’italiano. Potete leggerle qui.

La via della coproduzione internazionale…

Lascia un commento

BubblcriFireball e’ uno strano e interessante prodotto sotto molti punti di vista. Innanzitutto per essere la prima produzione della Disney realizzata in Giappone e da uno staff interamente del Sol Levante (quello dello Jinni Studio). Poi per l’idea di trasmettere gratuitamente i vari episodi su You Tube e gli altri media di internet. Il prodotto cosi’ ottenuto e’ davvero inusuale, giocato su brevi gag comiche in uno sfondo da SF tecnologica. Vedere per credere. Qui il primo episodio e i seguenti.

D’altra parte, la via delle coproduzioni e collaborazioni tra Oriente e Occidente si sta intensificando sempre piu’.
E’ appena stata annunciata al Festival di Cannes l’uscita per il 2012 della versione cinematografica di Bubblegum Crisis, uno degli anime piu’ popolari e conosciuto a livello mondiale con numerosi fans in tutti i paesi. La produzione del film vede la collaborazione di ben sei nazioni: Singapore, Giappone, Canada, Australia, Cina e Inghilterra con un budget da trenta milioni di dollari e con le riprese previste in varie locations in Australia e Cina.

Immagine: primo manifesto del film di Bubblegum Crisis.

La corsa di Fata Morgana 12 continua…

Lascia un commento

cover12Bene, mi hanno appena comunicato la data della presentazione ufficiale dell’antologia Fata Morgana 12-Porte, passaggi, varchi, barriere. E, udite, udite, pare che l’evento rietri in una collaborazione con la circoscrizione 8 del comune di Torino e la Fiera del Libro di Torino!!! Quindi l’appuntamento e’ per…

***********************
BIBLIOTECA Shaharazad di V. Madama Cristina 41, Torino

lunedi’ 18 maggio 2009 , alle ore 18.00
***********************

Saranno presenti anche alcuni degli autori (qui la lista degli scrittori che hanno contribuito all’antologia).

Ma cos’e’ Fata Morgana?
Una serie di antologie a suo modo unica in Italia che ospita sulle sue pagine autori sia di letteratura di genere che di letteratura “alta”. Orientata inizialmente verso gli autori italiani, dal 2003 sono stati pubblicati anche racconti di scrittori  giapponesi, cinesi, croati e polacchi. Ha destato anche internazionalmente interesse venendo presentata tra l’altro in Cina e Giappone. Esiste un sito ufficiale.

Assistente virtuale?

5 commenti

ARLa Cyberbrain figure ARis (Denno Figyua ARis) e’ un prodotto ludico entrato in commercio da ottobre 2008 al prezzo di 9800 yen (circa 75 euro) sostanzialmente composto di un software e un hardware il quale consiste in un cubo, una paletta e quattro schede sviluppato dalla Geisha Tokyo Entertainment.

Di cosa si tratta? La cosa migliore forse e’ vederla all’opera. Guardate quindi il video 1 e 2 e 3.
In pratica, e’ un concetto avanzato di realta’ virtuale dove a differenza di quanto si vedeva in Matrix o nelle opere letterarie di Cyberpunk, piuttosto che creare un mondo virtuale separato da quello in cui viviamo si realizza una perfetta compenetrazione in tempo reale tra il cyber spazio e la realta’ tramite l’ausilio di un normale computer e di una webcam.
Certo per ora il software in questione si limita alla semplice creazione di un “assistente” virtuale, un po’ come quelli di word (quindi immagino che se i nostri telegiornali trasmettessero la notizia, al solito la farebbero passare come l’ennesima stranezza proveniente dal Sol Levante!). Tuttavia sono evidenti le applicazioni che il perfezionamento di un simile sistema potrebbe comportare. Penso ad esempio agli usi per illustrare sistemi statistici (piacerebbero di sicuro molto al mio amico Davide!) e modelli matematici durante le conferenze, agli usi in medicina…

E’ interessante notare come lo stesso concetto di realta’ virtuale ibrida sia presente nell’anime Denno Coil (che consiglio vivamente agli appassionati di fantascienza dal momento che in Giappone nel 2007 ha vinto il Premio Seiun sezione media e il Gran premio della fantascienza, i due massimi riconoscimenti nipponici per la SF) realizzato poco tempo prima della produzione di ARis.
Si parlava qualche tempo fa con Massimo Citi delle caratteristiche della SF orientale, e in effetti l’idea che la fantascienza sia un elemento importante per lo sviluppo scientifico reale pare essere molto radicata nei paesi di quell’area. Probabilmente per la Cina (ricordiamo che l’Universita’ di Beijing e’ una delle tre al mondo ad avere un master di fantascienza) le ragioni vanno ricercate nella visione estremamente positiva per il futuro espressa da questo genere e per il Giappone nell’avanzata ricerca nei campi della robotica e della tecnologia di punta (l’Universita’ di Tohoku ha, per dire, incaricato Sena Hideaki di scrivere un romanzo che contribuisca a diffondere tra i giovani l’importanza della meccanica e dargli idee riguardo i possibili futuri sviluppi di tale materia).

Immagine: confezione di Denno Figyua ARis prodotta dalla Geisha Tokyo Entertainment.

Fata Morgana 12 in Cina

Lascia un commento

Il mil

Fa sempre piacere vedere un libro a cui si e’ collaborato girare per il mondo.
Cosi’ Fata Morgana 12, ricompiendo il viaggio di un famoso viaggiatore, e’ giunta anche nel lontano Catai.

E, se tutto, andra’ bene, presto interessanti novita’ dal lontano Paese di Mezzo. Restate “sintonizzati” su questo blog. ^^

A fianco: pagina tratta da Il Milione di Marco Polo.

Bumba Atomika a Beijing!

Lascia un commento

FBeijBumba Atomika, pellicola indipendente e low budget del regista Michele Senesi, dopo essere stata in concorso in diversi festival internazionali e’ ora l’unica pellicola italiana selezionata per il New Beijing International Movie Week di Pechino. Qui la lista delle opere partecipanti.
Il film verra’ proiettato mercoledi 4 marzo alla prestigiosa China Central Academy of Fine Arts alle ore 13:30.

Interessante il commento da parte cinese al film <beautiful. Heavily inspired by Hong Kong films of the 80s and 90s, and sharing dreams with Quentin Tarantino>.
Lo so Michele che ti piace di piu’ la prima parte…^^

Per chi fosse interessato e si trovasse in Cina l’indirizzo e’ il seguente:
Wednesday, March 4, starting 1:30pm at the Central Academy of Fine Arts, Building 7, basement -1, Ingresso libero.

Bumba ed io abbiamo avviato una piccola collaborazione che risale proprio a due anni fa… Chissa’ se qualcuno si ricorda ancora di Miwaku?
E nel film di Michele fa capolino, seppure per poco, ALIA2!

L’immagine e’ quella del poster ufficiale del New Beijing International Movie Week.

Agnieszka Kuciak e Han Song, due scrittori dalla Polonia e dalla Cina

Lascia un commento

Visto che li ho menzionati nel precedente post, ecco alcune notizie piu’ dettagliate riguardo i due autori stranieri pubblicati sulle pagine di Fata Morgana 12 (profili scritti da Alessandro Ajres e Federico Madaro).

AkuciakNata nel 1970, Agnieszka Kuciak e scrittrice, traduttrice dall’italiano, impiegata all’universita Adam Mickiewicz di Poznan presso l’Istituto di letteratura del romanticismo. Nel 2000 conclude il proprio dottorato specializzandosi in storia della letteratura e il suo lavoro finale Dante romantykow ottiene il Premio del Consiglio dei Ministri; nel 2001 con Retardacja (Ritardo) avviene il suo debutto poetico, considerato dalla critica come uno dei migliori degli ultimi anni, i cui versi sono stati tradotti in fiammingo, francese, inglese, russo, tedesco, slovacco, sloveno ed inseriti in varie antologie dedicate ai poeti polacchi contemporanei. Retardacja ottiene anche il Premio dell’Associazione degli editori. Tra il 2002 e il 2004 si dedica alla traduzione integrale della Divina commedia in polacco, per cui ottiene il prestigioso Premio Feniks. In polacco traduce anche, tra gli altri, i Sonetti del Petrarca e Storia del bello di Umberto Eco. Da autrice pubblica nel 2005 una nuova raccolta poetica: Dalekie kraje. Antologia poetow nieistniejacych (Paesi lontani. Antologia di poeti inesistenti); nel 2006 escono i racconti e versi per bambini Przygody kota Murmurando (Le avventure del gatto Murmurando); al 2007 risale la raccolta di racconti Animula Blandula. Attualmente lavora su un’antologia di sonetti amorosi italiani.

HanSHan Song, nato a Chongqing (Repubblica Popolare Cinese) nel 1965, giornalista di professione, e uno dei piu affermati autori cinesi di fantascienza, come dimostrano i numerosi premi vinti in patria e l’interesse che i suoi testi hanno suscitato presso la critica nazionale e anglosassone. Scrittore eclettico, poeta, saggista, Han Song trasmette anche nella narrativa di fantascienza le sue capacita letterarie che si manifestano tramite una ricercatezza di linguaggio e una complessita di riferimenti culturali uniche nel suo genere, come dimostrano i suoi numerosi romanzi di successo quali Note informali di un viaggio a ovest del 2066 (2000) e Oceano rosso (2004).

Fata Morgana 12, le porte della letteratura

13 commenti

Fata Morgana-12E’ appena uscita l’antologia Fata Morgana 12-Porte passaggi varchi barriere dell’editore CS_libri disponibile anche su IBS.it. Diciassette racconti a cavallo tra la letteratura mainstream e quella d’intrattenimento.

Porte… Porte miracolose, porte dannate, introduzione di Silvia Treves

Karla di Cettina Calabro’

Dialogo all’uscita del Nodo di Paolo Cavazza

Polaroid di Massimo Citi

La Grande Muraglia di Han Song (traduzione dal cinese di Federico Madaro)

Lo scrigno di Penelope di Agnieszka Kuciak (traduzione dal polacco di Alessandro Ajres)

Regina di Consolata Lanza

<Loro> di Fabio Lastrucci

Porte di Patrizia Maiocco

Troppo dannatamente a Sud di Davide Mana

Il cancello di Adolfo Marciano

Il gioco delle tre porte di Mirella Nicola

Passaggi di Francesca Ortenzio

Ultimo, h. 19.45 di Andrea Rossi

Il sogno di dama Sei Shonagon di Massimo Soumare’

In superficie resta sempre un po’ di neve di Silvia Treves

Di cosa hai paura? di Marilde Trinchero

Un chiodo di Alberto Vanolo

Del mio racconto, Il sogno di dama Sei Shonagon, avevo parlato precedentemente qui.
L’edizione di quest’anno vede la partecipazione anche della poetessa e scrittrice polacca Agnieszka Kuciak e di Han Song, uno dei maggiori scrittori di fantascienza cinesi contemporanei.

昨日、エンターテインメント文学・純文学の『Fata Morgana 12』アンソロジーがいよいよ出て、「Il sogno di dama Sei Shonagon」(「清少納言の夢」)と言う私の短編も掲載されました。 同アンソロジーに、15人のイタリア人の作家の短編の他、ポランドの作家・詩人であるAgnieszka Kuciakさんと中国のSF作家である韓松さんのご作品も載っています!

E-book nel Sol Levante

2 commenti

Per motivi decisamente seri il numero 47 della rivista letteraria LN-LibriNuovi e’ uscito con un mese di ritardo rispetto alla data solita.
LN47Pubblicazione sempre ricca di spunti validi, questa volta ho contribuito con un articolo sull’e-book in Giappone e in Oriente dal poco impegnativo titolo di Prosperita’ e decadenza dell’e-book/E-lettura nel paese del Sol Levante (pagg. 66-71)… Tema ormai frequentemente discusso sia sulla rete che sul cartaceo in maniera piu’ o meno intelligente, e’ comunque quasi sempre limitato ad un’analisi della situazione americana senza prendere in considerazione le evoluzioni che si vedono nelle aree asiatiche dove visto il grande numero di persone e la diffusione dell’alfabetismo e della carta stampata si trovano oggi concentrati almeno un terzo dei lettori di tutto il pianeta. Un’aggiunta, se volete, agli stimolanti scritti del mio amico Davide Mana sull’argomento pubblicazioni digitali.

E a proposito di Davide, per chi e’ interessato ad una conoscenza non solo superficiale della letteratura fantastica varrebbe davvero la pena leggersi tutta la sua serie di articoli che va sotto il nome di Per una storia naturale della narrativa fantastica originariamente iniziata da Melania Gatto e pubblicata sulla medesima rivista da diversi anni. Cattiva, irriverente, acuta e notevolmente profonda, probabilmente puo’ essere considerata allo stesso tempo una delle migliori guide alla scrittura della narrativa fantastica prodotte in Italia capace di fornire nomi di autori di riferimento e di evitare agli esordienti di incappare negli errori tipici. Non un manuale di scrittura, ma molto di piu’!

Nel numero 47, mi e’ inoltre piaciuto molto l’articolo di Franco Pezzini In quel vetro, piu’ o meno appannato/ Albion I (pagg.122-128), cronaca di viaggio dell’autore a Glastonbury. Davvero notevole.

E’ edito anche il racconto di Piero Fabbri Freud e lo scarabeo.

Il paese di Yamatai…

6 commenti

Considerato che in questi ultimi giorni, tra le altre varie cose, sono Myimpegnato con l’apocalittica revisione finale del “librone” (ormai lo chiamiamo tutti affettuosamente cosi’!) vista l’uscita prevista del volume per i primi mesi del 2009, era indubbio che la notizia della distribuzione nelle sale nipponiche a novembre del film Maboroshi no Yamataikoku (Il paese di Yamatai, una visione) non mi potesse lasciare indifferente…
La storia e’ quella di Miyazaki Kohei (1917-1980), ex-funzionario pubblico di alto livello e poi, divenuto cieco, trasformatosi, con l’aiuto della moglie Kazuko, in studioso di storia antica e scrittore.
Il titolo della pellicola e’ lo stesso del volume da lui pubblicato nel 1967 che ha avuto il grande merito di far conoscere gli studi sul paese di Yamatai al grande pubblico portandoli al di fuori degli stretti circoli di studiosi. Con il veterano Takenaka Naoto che interpreta Miyazaki, Yoshinaga Sayuri e Kubozuka Yosuke. La regia e’ di Tsutsumi Yukihiko.

L’immagine e’ quella della copertina dell’edizione del 2008 del volume di Miyazaki Kohei edita dalla Kodansha.

Ancora strani esseri dalla Cina

5 commenti

Altro Uma (Unidentified Mysterious Animal) proveniente dalla Cina!

Il 23 settembre e’ stato comunicato ufficialmente il rinvenimento VNtotalmente casuale un mese fa nella provincia dello Shaanxi di uno strano animale semi sepolto nella spiaggia definito come un “grumo di carne”. Bagnato ogni giorno, la sua forma pare abbia continuato a modificarsi (dalla iniziale conformazione sferica di 30 centimetri fino ad arrivare agli attuali 62 centimetri). Inoltre pare essere dotato di capacita’ rigenerative notevoli.
Inevitabile quindi il collegamento (in effetti avvenuto anche con altri curiosi esseri viventi scoperti precedentemente) con il leggendario Tai sui (太歲) menzionato in antichi testi cinesi quali lo Shan Hai Jing o il Bencao Gangmu dove viene descritto come un animale che vive dentro la terra costituito da una massa di carne rossa e con numerosi occhi. Inoltre se ne parla anticamente gia’ in relazione con il primo imperatore della Cina Qin Shi Huang in quanto veniva indicato come l’elemento principale per la preparazione dell’elisir dell’immortalita’ che l’imperatore ricercava e che era la bevanda dei santi eremiti dalla vita eterna.
E’ possibile vedere delle foto del nostro simpatico UMA nel sito di Record China.

L’immagine e’ un’illustrazione per lo Shan Hai Jing rappresentante una volpe a nove code, da Wikipedia.

Older Entries Newer Entries