Le stravaganti vacanze estive di una maga e di una volpe

1 commento

ALIA5 AiInnanzitutto ringrazio per gli apprezzamenti e commenti ricevuti riguardo le storie di Kitsu/Kaede e di Karla (ma non solo). Mi hanno fatto davvero piacere. In particolar modo alcune analisi sulle atmosfere e la scrittura.
Le stravaganti vacanze estive di una maga e di una volpe uscito in ALIA storie e’ un ideale seguito di Storia romantica di code e di canini (racconto da cui, sucessivamente, e’ nato il progetto di Kitsukiba) pubblicato invece in ALIA Autori italiani, dove pero’ appaiono pure alcuni personaggi che ho creato nel corso degli anni, come la maga globalizzata Karla del racconto Miwaku edito in Fata Morgana 10 e l’inquietante gatto bianco Plick (una sua storia e’ uscita in Cina sulla prestigiosa rivista SF World).
Mi hanno chiesto come sia nata l’idea del personaggio di Karla. Per parecchio tempo ho lavorato a livello mentale affinandone le caratteristiche. Mi piaceva l’idea di un personaggio ALIAstorieforte, libero ed indipendente dal carattere allegro che pero’ racchiudesse in se’ una serie di sfaccettature complesse. E volevo dare alle suo storie un tono agro-dolce.
Si tratta di un mondo in cui si muovono parecchi altri personaggi. Per cui vorrei scriverne ulteriori avventure e, magari, ci fosse occasione, anche un romanzo – quest’ultima eventualita’ dipendera’ da molti fattori. E’ probabile comunque che le pubblicazioni dei racconti valichino i confini nazionali (anche in un tempo relativamente breve!).

Kitsu e Karla se la giocano testa a testa, pero’ mi piacerebbe sentire anche dai lettori quale tra le due preferite.
Silvia Treves della CS_libri vorrebbe  leggere un nuovo racconto del ciclo del Magatama, un mondo sul cui sfondo ho molto lavorato e di cui vorrei ancora ritornare a narrare.

Immagini: ALIA Autori italiani, CS_libri, 2008, copertina di Suemi Jun. ALIA storie, CS_libri, 2011, copertina di Yoneda Hitoshi.

Giornate intense…

Lascia un commento

Ioill… A volte capita. Venerdi’ e sabato a Milano per il Kyogen con Nomura Mansaku, tesoro vivente nazionale, e Nomura Mansai. Sotto molti punti di vista un’esperienza decisamente interessante che mi ha fatto ulteriormente riflettere su cosa sia l’arte e quali siano le difficolta’ pratiche nel riuscire a realizzarla. Dei due attori non posso che dire che, oltre ad essere grandi professionisti, sono persone molto disponibili e cortesi.
Lunedi’ sera e’ stata invece la volta qui a Torino del Gagaku; in effetti era parecchio tempo che volevo vederlo. Un ringraziamento speciale va quindi ad Alessandro e Minami (loro sanno il perche’).

Presto il 3 ottobre iniziera’ la mostra di emakimono (andate assolutamente a vederla se abitate in zona!) a Mondovi’ e i preparativi per quella di gennaio a Torino proseguono.

Ieri ho finito anche il mio nuovo racconto. Kaedenoha e Karla, le due eroine di Storia romantica di code e di canini e di Miwaku riunite insieme in un racconto fantastico “vacanziero” tra Oriente e Occidente…

Per il resto, il libro sul Giappone e l’Asia antica sta ormai per uscire sia in America che nel paese del Sol Levante. Spero a brevissimo di poterne dare l’annuncio su questo blog. Visto che ci lavoro da ormai piu’ di sette anni si tratta di un volume che mi e’ particolarmente caro. A fine gennaio uscira’ poi un’antologia che ritengo di ottima qualita’ (non perche’ l’ho tradotta io, ma perche’ i racconti – ben diciotto – e gli autori meritano sul serio) con quindici tra gli scrittori giapponesi contemporanei piu’ importanti della letteratura di genere e non solo. Successivamente, la prossima primavera uscira’ ALIA6. Un solo volume questa volta, ma che promette di essere la piu’ internazionale delle antologie di letteratura fantastica mai uscite sul suolo italiano (riunira’ autori di almeno sei nazioni differenti sparse su tutto il globo!). Nel frattempo ci saranno altre varie uscite che credo potranno interessare un po’ di lettori di questo blog… (^^)b

E poi, ehi, sono diventato anche un’illustrazione. Il disegno e’ opera di MoMa KoN.