Lutto per la fantascienza giapponese

2 commenti

ksm29Komatsu Sakyô ci ha lasciati il 26 di questo mese. Era malato da tempo ed era una notizia che si sapeva presto o tardi sarebbe arrivata, tuttavia rattrista lo stesso. Komatsu, insieme con Hoshi Shin’ichi e Tsutsui Yasutaka, ha dato molto non solo alla fantascienza, ma anche alla letteratura cosiddetta mainstream giapponese e mondiale. Ha inoltre influenzato profondamente molti scrittori piu’ giovani. Non per nulla e’ inserito a buon diritto nei testi di storia letteraria nipponici contemporanei.
In Italia, come per gli altri suoi due amici, e’ purtroppo ancora arrivato poco dei lavori di questo gigante, neppure l’ormai classico il Giappone affonda (Nihon chinbotsu).

Ho avuto il piacere e il privilegio di poter poter collaborare ad alcuni numeri della sua rivista Komatsu Sakyô Magazine – le cui copertine realizzate appositamente dai piu’ noti mangaka e illustratori giapponese ritraevano lo stesso Komatsu – e di tradurre un suo racconto per ALIA 4 Giappone ed un altro per un’antologia di cui non posso ancora dire nulla, ma la cui uscita e’ in programma per gennaio 2012. Sinceramente, mi resta il rammarico di non essere riuscito a fargli vedere quest’ultimo volume…

Ricordo vividamente la chiacchierata fatta in privato con lui e la sua agente, Otobe, durante la Worldcon a Yokohama nel 2007 dov’era ospite d’onore. Nonostante i vari problemi di salute, traspariva tutto il carattere di un uomo di grande intelligenza e di una sensibilita’ rara, molto amato e rispettato dai suoi lettori e dai colleghi.
Sia in italiano che in giapponese ci ha lasciato un prezioso dialogo avuto con il nostro scrittore Vittorio Catani in una riflessione sulle differenze tra la SF italiana e quella giapponese. Merita davvero di essere letto.

Immagine: copertina realizzata da Orai Noriyoshi della rivista Komatsu Sakyô Magazine vol. 28, IO Corporation, Tokyo.

INCURSIONI IN TERRITORIO ALIENO sul Komatsu Sakyo Magazine

2 commenti

komatsusm32Esce oggi in Giappone il trentaduesimo volume della rivista Komatsu Sakyo Magazine pubblicata dalla IO Corporation e distribuita dalla Kadokawa Haruki Corporation. Include, tra i vari articoli, anche la traduzione in giapponese della recensione Incursioni in territorio alieno di Alessandro G. De Mitri relativa al volume ALIA Sol Levante originariamente edita nel supplemento culturale ALIAS del quotidiano Il Manifesto.

Alessandro G. De Mitri e nato nel 1965 (Showa 40, anno del serpente) a Monfalcone, cittadina industriale sul mare nel nord-est d’Italia. Ha svolto per molti anni attivita di volontariato in campo sociale e culturale, organizzando concerti e manifestazioni. E’ poeta dilettante e ha suonato per anni la batteria nel gruppo rock Water Echoes (un brano nella compilation Ritmi Urbani, 1988). Si interessa di musica rock e jazz, di cinema, letteratura, e culture orientali, con particolare dedizione a quanto riguardi il Giappone. Ha pubblicato articoli sull’erotismo nella cultura giapponese, su Edogawa Ranpo, sul Pink Eiga, sulla letteratura femminile giapponese contemporanea. Ha tradotto dall’inglese all’italiano un volume di interviste tra William S. Burroughs e musicisti rock (Rock’n’Roll Virus, Coniglio, 2008 ) curato da Matteo Boscarol; attualmente sta lavorando alla traduzione di un lavoro di un autore giapponese internazionalmente noto  e ad una monografia sul gruppo rock dei Television.

小松左京マガジン』32巻にアレッサンドロ・デ・ミトリ氏 の書いた、『ALIA Sol Levante』 に関わる評論が掲載されました。もともとイタリアの名が知れた新聞「IlManifesto」の文化特集「ALIAS」に 載ったもので、私は、それを日本語に訳しました。

Published my Japanese translation of the critic text about ALIA Sol Levante Incursioni in territorio alieno by Alessandro G. De Mitri originally published in the cultural feature ALIAS of the Italian prestigious newspaper Il Manifesto.

Franco Pezzini sul Komatsu Sakyo Magazine

6 commenti

ks30

今日、「小松左京マガジン」第30巻イオ発行・角川春樹事務所発売は発刊され、 フランコ・ペッツィーニ(Franco Pezzini)さんが書いた、『ALIA4』3冊に関わる評論も掲載されました(私が訳した)! 評論だけではなくて、これからの国際幻想文学についての鋭いエッセイでもあるから、是非読む価値があると思います。さらに、同号に、中国の作家・教授である 呉岩さんの「マウスパッド」(翻訳:立原透耶さん)も載りますし。
つまり、「小松左京マガジン」ならではの国際的な原稿が掲載されているから、読むのは楽しみに違いありません!
フランコ・ペッツィーニさんとは、現在、イタリアのもっとも優れた、アカデミー界の幻想文学の評論家・研究者であると言っても過言ではありません。
購入は大手書店またはbk1で

Sul numero 30 del Komatsu Sakyo Magazine, una delle riviste piu’ attente anche ai nuovi movimenti della letteratura fantastica mondiale, uscito oggi in Giappone e’ stata pubblicata la mia traduzione della recensione dei tre volumi di ALIA4 originariamente edita in L’indice dei libri del mese di dicembre 2007 a cura di Franco Pezzini – preparato e competente critico del fantastico, uno dei migliori del nostro paese.
Il Komatsu Sakyo Magazine pubblicato dalla IO corporation e distribuito dalla Kadokawa Haruki Corporation di Kadokawa Haruki e’ acquistabili nelle maggiori librerie giapponesi e tramite internet.
Sullo stesso numero si segnala la traduzione per mano della scrittrice e docente universitaria specializzata in letteratura cinese Tachihara Toya del racconto Mousepad di Wu Yan, lo stesso edito in Fata Morgana 11.

FPFranco Pezzini (Torino, 1962), laureato in Diritto Canonico con la tesi
Esorcismo e magia nel Diritto della Chiesa, e studioso dei rapporti tra
letteratura e antropologia, con particolare attenzione agli aspetti
mitico-religiosi. Tra i fondatori della rivista L’Opera al Rosso, collabora alle riviste L’Indice dei libri del mese, LN – Libri Nuovi e al sito Carmilla on line (letteratura, immaginario e cultura d’opposizione). Ha pubblicato i saggi Cercando Carmilla. La leggenda della donna vampira (Ananke, 2000), e – insieme ad Arianna Conti – Le vampire. Crimini e misfatti delle succhiasangue da Carmilla a Van Helsing (Castelvecchi, 2005); attualmente e impegnato insieme ad Angelica Tintori nella redazione di un volume che sara edito dalla Gargoyle Books di Roma nel 2008.