Studenti contro un angelo

Lascia un commento

ABAngel Beats! e’ una serie animata in tredici episodi realizzata dalla P.A. Works e dalla Aniplex preceduta da un romanzo pubblicato a puntate e da un manga con storie formate da quattro vignette.
Con uno stile grafico che ricorda molto quello dei visual games e alcuni evidenti punti di contatto con la serie La malinconia di Suzumiya Haruhi, e’ interessante notare come i protagonisti siano in realta’ tutti morti. La vicenda si svolge in quella che potrebbe essere sia la fase intermedia prima della prossima reincarnazione (come il finale tenderebbe a far supporre), cosi’ come altrettanto bene il purgatorio dei cristiani. Concepito come una scuola superiore giapponese, sono li’ radunate le anime di adolescenti morti senza poter realizzare il proprio sogno e per questo in rivolta contro gli angeli e contro lo stesso Dio per l’iniquo trattamento che la sorte gli ha riservato. Guidati dalla battagliera Nakumura Yuri – chiamata dagli altri ragazzi Yurippe – a capo del gruppo “Afterlife War Front” in una lotta letteralmente armata dal momento che per combattere utilizzano ogni tipo di arma da taglio e da fuoco (quella preferita di Yurippe e’ una Beretta M92!) ed eterna perche’ essendo gia’ morti sono tutti immortali e anche se subiscono danni ai loro corpi questi si rigenerano, la loro avversaria e’ l'”angelo” Tachibana Kanade. Personaggio chiave diverra’ Otonashi Yuzuru, che all’inizio e’ privo di memoria.
Surreale e velato da una malinconica tristezza, Angel Beats! mischia la commedia scolastica giovanile alla fantascienza raggiungendo in alcune puntate livelli davvero notevoli. Claustrofobico nelle ambientazioni, con un istituto scolastico che rappresenta i limiti dell’intero mondo e con giornate che si susseguono quasi del tutto uguali, con un passato degli apparentemente allegri protagonisti spesso traumatico, come nel caso di Yurippe, perde forse di intensita’ negli ultimi episodi e nel finale, ma resta comunque un prodotto di alta qualita’ e tutt’altro che semplice con una riflessione sul senso dell’esistenza quasi da romanzo e che vede contrapposto l’immobilita’, concepita come conservazione dello stato equo, e l’evoluzione intesa come cambiamento necessario.
Ottime inoltre le musiche tra cui spicca il pezzo Alchemy del gruppo di ragazze protagoniste dell’anime, le Girls Dead Monster (sono in vendita anche i CD come se fossero un gruppo reale, una tendenza questa presente in molti degli ultimi anime quale, ad esempio, K-on!).

Annunci

Presentazione del nuovo libro di Vittorio Catani: musica, fantasy e fantascienza

1 commento

Libro CataniMartedi’ 19 gennaio 2010 alle ore 18,30, a Bari, presso la nota Casa musicale GIANNINI, Via Sparano 172, Vittorio Catani presenta il suo ultimo libro I suoni del silenzio-Storie tra fantasy e fantascienza sulla piu’ misteriosa e inafferrabile delle arti: la Musica (Florestano Edizioni, Bari). Relatori Massimo Del Pizzo, docente universitario, e Alessandro Romanelli, critico musicale. Letture di Elisa Robino.

Dir en grey e Miyavi per la prima volta in Italia!

5 commenti

diregrSeppure la musica giapponese abbia anche nel nostro paese i suoi appassionati, finora in genere solo gruppi piccoli o medi hanno eseguito dei live nel nostro paese.
Ammetto di non essere particolarmente amante del genere visual kei nipponico, ma senza dubbio e’ degna di nota la notizia appressa dal blog del solito ben informato DJ Maru e sul blog di Matsuri Italia che la famosa band dei Dir en grey suonera’ il 17 giugno all’Alcatraz di Milano e che Miyavi, altra icona del genere visual, si esibira’ sempre a Milano al Music Drome il 4 ottobre.
Considerato che su questi gruppi giapponesi si sono ispirati band oggi molto popolari in europa quali i Tokio Hotel, i Cinema Bizarre e i DNR, di sicuro varra’ la pena per molti motivi assistere ai due concerti.

Foto: i Dir en grey.

Matsuri Italia di DJ Maru

2 commenti

matsuri-Italia

Il vulcanico DJ Maru ha avviato una nuova iniziativa per la diffusione in Italia della musica giapponese Visual kei e J-rock (realta’ accettata e di successo in molti paesi europei quali Francia e Germania dove ormai i CD vengono prodotti, distribuiti e venduti nei maggiori negozi musicali mentre qui da noi resta ancora prevalentemente un fenomeno di nicchia) inaugurando il progetto 祭 Italia.
Si tratta di un blog e di un gruppo google nato proprio con il proposito di creare una piu’ efficiente catena di diffusione delle notizie relative alle varie band musicali e di supporto logistico e promozionale per i loro concerti nel nostro paese.
Sul blog sopraccitato potrete trovare notizie piu’ approfondite riguardo l’attivita’ svolta.

Una voce vibrante

5 commenti

ChoE’ bello avere conferma che, quando meno ce lo aspettiamo, possiamo fare degli incontri inaspettati e scoprire nuove emozioni…

Nel mio caso, questo e’ avvenuto alcuni giorni fa con Onitsuka Chihiro, cantante giapponese in Italia certo molto meno conosciuta di Hamasaki Ayumi o di Koda Kumi, senza dubbio non visual” come queste ultime due, ma con un’incredibile estensione vocale e l’abilita’ di interpretare un gran numero di generi musicali.

Se le sue capacita’ si vedono gia’ nei video promozionali, dal vivo il calore della sua voce e’ forse ancora piu’ toccante. Confrontate ad esempio le due versioni (1 e 2) di Gekko (Chiaro di luna) o di Cage (1 e 2). Ancora lei in Innocence ed in Tiger in my love. Non avete provato un brivido ascoltandola?

Quando friniscono le cicale

Lascia un commento

hig… Ovvero Higurashi no naku koro ni, dojin soft creato dal circolo amatoriale 07th Expansion specializzato nelle sound novel – un sottogenere delle visual novel il quale basa l’efficacia del gioco sugli effetti e le colonne sonore. Venduto inizialmente al solo comiket, nel 2004 grazie alla possibilita’ di provare una demo scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale la sua’ popolarita’ cresce a dismisura per merito di un passaparola tra gli appassionati arrivando a vendere centomila pezzi e, a questo punto, interessando i grandi media i quali lo trasformano in un vero fenomeno multimediale che sfocia nella produzione di manga, CD dorama, giochi per PS2 e romanzi (circa una ventina pubblicati da diversi editori tra cui Kodansha e Square Enix). La sola sound novel originale ha raggiunto le cinquecentomila unita’ vendute ed i manga un totale di cinque milioni di copie. Inoltre, nel 2006 e 2007 sono uscite due serie animate rispettivamente di 26 e 24 episodi e ne e’ prevista una terza serie. A maggio di quest’anno uscira’ anche l’atteso film live.
Il grande fascino esercitato da Higurashi no naku koro ni e’ in buona parte dovuto alla storia di ampio respiro con macabri omicidi ambientati in un contesto totalmente giapponese e dall’introduzioni di elementi propri del mystery tradizionale nella forma chiamata honkaku suiri (corrisponde grosso modo all’americano whodunit o puzzler) – la letteratura gialla, infatti, nel Sol Levante e’ una delle piu’ amate e popolari.
Le canzoni portanti sia dell’anime che del film sono affidate alla vocalist Shimamiya Eiko.

Melt-Banana in Torino

11 commenti

Mb

Il sempre informato blog Goraku segnala la tourne italiana dei Melt-Banana gruppo giapponese di noiserock fondato nel 1992.

Date italiane:

26/05/2008 – Milano – Circolo Magnolia

27/05/2008 – Padova – Unwound

28/05/2008 – Roma – Circolo degli Artisti

29/05/2008- Torino – SPAZIO 211

DJ Maru e la musica giapponese

6 commenti

DJDJ Maru – DJ, Event Manager ed uno dei maggiori esperti italiani di J-pop e J-rock apprezzato per la sua attivita’ di divulgazione e presentazione del sound e delle band nipponiche dai membri degli stessi gruppi giapponesi – ha da oggi una nuova casa, Land of Visual Weblog! Oppure, se volete, lo potete anche trovare su My Space. Go go go DJ Maru!!!